Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Rivisitazione whoviana di una canzone del grande Luciano Ligabue!

Immagine
Buonasera! In occasione del mio primo anno in cui mi sono avvicinata alla serie TVDoctor Who, propongo questa mia riscrittura di alcuni pezzi (messi in evidenza) di una canzone firmata Liga, quello intramontabile per il quale andai al concerto da sola allo Stadio Arechi all'età di 17 anni! Ho scelto precisamente la canzone I duri hanno due cuori, poiché anche il Dottore ha due cuori. Ora ritorno sulla mega traduzione dal tedesco di un romanzo poliziesco mai tradotto che mi tiene impegnata da quasi un mese, insieme a un problemino di salute che sto risolvendo e prima ancora insieme ai corsi di recupero tenuti presso un liceo di Marano.
Non mi resta che augurarti buona lettura!
I duri hanno due cuori
Un quarto alle dieci eil Dottore è all'impiedi nel TARDIS  davanti a Donna e col cacciavite sonico. 
Gli danno la caccia,forse perché sanno tutto di lui o, almeno, ne sanno una loro versione. Una foto diRosegli brucia da dentro la giacca chiaramente dalla parte del cuore e la gamba gli duole…

Una gioia ritrovata: la lettura per hobby

Immagine
Buonasera! Era il quarto o quinto anno di liceo, quando lessi per la prima e per ora unica volta la trilogia de Il Signore degli Anelli. Il libro me lo prestò una mia ex compagna di classe, quindi per la fretta di restituirglielo lo lessi in modo approssimativo. Un po' di tempo fa trovai alla stazione di Piazza Garibaldi la versione vintage e in offerta della saga tolkeniana e colsi subito l'occasione al volo: compratolo, ero felice come una Pasqua, come tutte le volte in cui compro un libro, figuriamoci se si tratta di un bel libro, un magnifico libro, un capolavoro! Appena dopo l'acquisto, presi il treno e incontrai una ragazza che abita di fronte a me e che conosco da diverso tempo, la quale mi vide tutta contenta e mi chiese il motivo. Le risposi mostrandole il mio nuovo acquisto e vi lascio immaginare il tipo di disgusto che lei espresse nel sapere di una persona felice per un libro (e non magari per cose più alla moda come l'ultimo tronista della De Filippi o l&…

A 9 anni dal diploma di maturità: quello che resta

Immagine
Sono passati appena 9 anni dal mio esame di maturità, eppure ricordo il 99% di quelle prove come se le avessi affrontate solo ieri.
Nitida è la scena in cui mi ritrovo davanti al testo di Dante, l'XI Canto del Paradiso, in cui Bonaventura da Bagnoregio presentava la vita di San Francesco D'Assisi (uno dei miei Santi preferiti). Dopo aver fatto la scelta "azzardata", la penna affondò stürmeriana fra le righe, con tanto di riferimenti alla religione egizia, ad Apollo e anche a Luigi XIV se non erro. Due spillette piene delle tante cose che sapevo sia didatticamente sia per cultura personale extra-scolastica. Dopo quasi due anni interi a tornare a casa piangente e furente perché non capivo mai il motivo dei miei voti bassi ai compiti di italiano, il 15/15 penetra incontrastato e buca lo spesso velo nero. Altrettanto nitidamente ricordo di aver scelto francese come lingua della II prova. Il testo da argomentare riguardava i robot, ma ora non mi sovviene cosa abbia scrit…

Le relazioni interpersonali: covo vs. gruppo

Immagine
Questo post affronta un tema per me alquanto delicato: le relazioni online e offline fra il proprio sé e: un covo;un gruppo.Prima di esporne le caratteristiche, ci tengo a precisare che queste scaturiscono da diverse esperienze personali passate e recenti, quindi lungi da me l'idea di dichiarare verità da riconoscere a livello universale. Inoltre, è importante chiarire che in questo preciso istante non sono né arrabbiata né felicissima: è solo una descrizione e ho una lunghissima traduzione che mi aspetta!
Ora, passiamo all'argomento partendo dalla "notizia brutta". Il covo mira verso il basso.

Lo riconosci subito. Vi sono:
una mandria di tanti, troppi personaggi; tanti galli a cantare che non si fa mai giorno: spesso, infatti, non si realizza mai nulla di davvero concreto o che esuli dalle attività (spesso ripetitive e quindi monotone) del covo; favoritismi grazie ad auto-incensamenti e incensamenti intra-covo, oltre ad apprezzamenti con secondi fini;il parlarsi e il der…